I vantaggi del radiatore elettrico: dove, come e perché è anche conveniente.

I radiatori, o caloriferi, elettrici rappresentano una pratica soluzione di riscaldamento domestico, estremamente versatile ed in grado di offrire una vasta gamma di opzioni che riescono a rispondere alle esigenze più diversificate.

Oltre a differenziarsi in potenza e prestazioni, infatti, i radiatori elettrici si distinguono per tipologia e modalità di funzionamento. 

Pratici e facili da installare in assenza di allaccio agli impianti domestici, è infatti sufficiente la sola presa di corrente, questi dispositivi garantiscono al tempo stesso efficienza e convenienza economica: i radiatori offrono prestazioni efficienti assicurando a chi li acquista un ottimo rapporto tra prezzo e qualità.

I radiatori possono essere installati in qualsiasi tipo di ambiente. Esistono peraltro modelli riservati ad applicazioni specifiche. Gli scaldasalviette, ad esempio, sono destinati per ovvi motivi al bagno.

La versatilità del radiatore elettrico permette di essere scelto in funzione dell’ambiente da riscaldare e dal tipo di confort che si vuole ottenere; ad esempio il convettore, che riscalda direttamente l’aria grazie ad una resistenza elettrica, è adatto per le stanze di passaggio e ben isolate in quanto gode di un aumento rapido della temperatura: la temperatura ideale viene raggiunta nell’arco di qualche minuto. 

I radiatori ad inerzia, invece, immagazzinano il calore: l’aumento di temperatura dei radiatori ad inerzia è lento, ma una volta raggiunto il pieno di energia, la diffusione del calore è costante e persiste per un certo periodo anche se il radiatore è spento. Quest’ultimo tipo di radiatori si ben adatta quindi a tutti quegli ambienti in cui è previsto un soggiorno prolungato.

Oltre a diffondere in modo uniforme il calore negli ambienti in cui sono installati, questi apparecchi possono essere programmati per ottimizzarne l’uso e ridurre gli sprechi.

La regolazione elettronica di cui sono dotati i radiatori elettrici di nuova generazione consente un significativo risparmio energetico nel periodo stagionale. Si tratta quindi di dispositivi intelligenti quali:

  • il rilevamento della finestra aperta che spegne immediatamente il radiatore;
  • il rilevamento di presenza che regola automaticamente la temperatura in funzione della presenza di una persona nella stanza;
  • la programmazione adattativa che consente di gestire l’accensione e lo spegnimento del radiatore in anticipo rispetto alla temperatura desiderata; 
  • la programmazione oraria/settimanale per adattare la temperatura dei vari ambienti al proprio stile di vita;
  • l’indicazione di consumo, che permette di tenere controllata la propria spesa energetica;
  • il telecomando per controllare a distanza la programmazione del radiatore o, in aggiunta, il controllo dallo smartphone, che offre un controllo in tutta autonomia;
  • la protezione contro il surriscaldamento;
  • la protezione antigelo utile, ad esempio, per la gestione ottimale nelle seconde case.

Il consumo energetico è in ogni caso e per ogni dispositivo utilizzato sempre strettamente connesso al modo di utilizzo dell’utente: la regolazione opportuna della temperatura ed una programmazione adatta ai bisogni reali di riscaldamento, permette sempre di ottimizzare la gestione energetica e di ridurre naturalmente i consumi e quindi la spesa.

I vantaggi principali di questo tipo di elettrodomestici sono la facilità di installazione e la velocità con cui questi riescono ad aumentare la temperatura dell'ambiente in cui vengono posizionati. 
I radiatori elettrici rappresentano sicuramente la soluzione ideale per le abitazioni o per la stanze che non hanno un collegamento all'impianto di riscaldamento centrale o che non presentano un impianto abbastanza potente.

Questo significa quindi che il riscaldamento elettrico può essere anche considerato come la soluzione ideale per essere usato come sistema di riscaldamento principale per tutta la casa? 

La risposta corretta è certamente sì, ma…conviene dal punto di vista dei consumi? In altre parole, conviene economicamente

La risposta senza menzogne è che in moltissimi casi conviene e lo è ancor di più se il sistema che stiamo per descrivervi sarà associato ad un impianto fotovoltaico che, tuttavia, non risulta indispensabile. 

Il principale vantaggio economico del riscaldamento mediante radiatori elettrici è rappresentato dall’assenza di spese di installazione, manutenzione e di costi fissi.

La tradizionale caldaia (ma anche quella a condensazione) necessita di:

  • spese di installazione non solamente per la caldaia, ma anche per la rete di distribuzione, per i corpi scaldanti (siano essi termosifoni o pannelli radianti a pavimento/soffitto), per le valvole termostatiche e la canna fumaria;
  • spese fisse di allacciamento alla rete gas;
  • spese di manutenzione impianto e regolari revisioni previste dalla legge.

L’esborso economico dovuto per l’installazione ed il mantenimento di un impianto tradizionale è quindi potenzialmente conveniente quando l’impianto viene utilizzato spesso ed i consumi sono molto elevati: in questo caso, infatti, la convenienza tariffaria del gas rispetto all’elettricità può determinare un vantaggio economico. Tale scenario non è però proprio delle seconde case o delle abitazioni in zone dai climi non particolarmente rigidi. 

Si considerino in tal senso i seguenti “casi studio” in cui viene dato qualche numero per fornire un esempio pratico del concetto espresso in precedenza. E’ necessario quindi premettere che quanto sarà esposto qui di seguito, con ragionamenti e numeri, rappresenta un’indicazione esplicativa e non può quindi essere presa in considerazione come verità assoluta.   


CASO 1 - Seconda casa in montagna:

Appartamento di 70m2 in provincia di Sondrio, isolamento medio, impiego ipotizzato in tutti i fine settimana della stagione invernale.

Le spese dirette per la materia prima energia sono ovviamente inferiori per il gas (spesa stagionale stimata intorno ai 65€) rispetto all’elettricità (spesa stagionale stimata intorno ai 230€).

L’investimento dovuto per la realizzazione dell’impianto deve però essere considerato quando si opera la corretta valutazione del costo annuo; nel caso della caldaia a gas, come descritto in precedenza, questo comprende, oltre al costo della caldaia stessa, dei radiatori e delle valvole termostatiche, anche le spese di installazione e di manutenzione.

Si tratta di un esborso di circa 5.500€ per un impianto tradizionale, contro i 1.100€ stimati per la soluzione con radiatori elettrici. Considerando quindi una vita utile di impianto pari a 10 anni in entrambi i casi, aggiungendo le dovute spese di manutenzione ed il costo effettivo dovuto alla materia prima energia, lo scenario che si presenta è il seguente:

  • Impianto con caldaia a gas: 760€ /anno
  • Radiatori elettrici: 345€ /anno


CASO 2 - Appartamento principale in zona dal clima mite:

Appartamento di 90m2 in provincia di Napoli, isolamento basso, impiego ipotizzato costante durante tutti i giorni della stagione invernale.

Le spese dirette per la materia prima energia, così come in precedenza, sono ovviamente inferiori per il gas (spesa stagionale stimata intorno ai 230€) rispetto all’elettricità (spesa stagionale stimata intorno ai 795€). 

Considerando come in precedenza le spese per impianto e manutenzione, la vita utile pari a 10 anni, lo scenario che si presenta è quindi il seguente:

  • Impianto con caldaia a gas: 1.050€ /anno
  • Radiatori elettrici: 905€ /anno

La presenza eventuali di pannelli fotovoltaici rende ovviamente ancor più conveniente la soluzione elettrica. In aggiunta, la spinta al rinnovamento degli edifici dal punto di vista della riduzione del fabbisogno energetico, porta ulteriormente alla valutazione di una soluzione differente da quella tradizionalmente usata: minore fabbisogno energetico, significa minore potenza installata e quindi minore consumo energetico e conseguente spesa per il riscaldamento; ancora una volta è quindi opportuno fare un attento bilancio tra le spese fisse dell’impianto tradizionale e le spese derivate dal consumo, sia esso gas o energia elettrica.

Stai pensando di passare al riscaldamento elettrico? Consulta il nostro catalogo Ewarm e scegli il termoarredo elettrico, prodotto da aziende italiane leader nel settore, più confacente alle tue esigenze!
Radiatore elettrico

Lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima di essere pubblicati